Pierluigi Bersani sui matrimoni gay: necessario un intervento, ma senza toccare la Costituzione

di Lorena Scopelliti 2

Pierluigi Bersani intervista matrimoni gay

Pierluigi Bersani, leader del PD, interviene sul dibattito, sempre acceso e mai sopito, delle unioni gay: se Barak Obama ha dato prova di apertura e modernità sostenendo le unioni tra omosessuali, in Italia il discorso diventa ancor più spinoso e ostico, anche a causa dell’influenza (c’è chi arriva a parlare di ingerenza) del Vaticano e della Chiesa cattolica.

Un fatto è certo: se la Costituzione tutela ogni cittadino nei confronti delle discriminazioni, ebbene lo Stato dovrebbe garantire a tutti la possibilità di piena realizzazione di sè e della propria vita. Non farlo solo con alcuni soggetti vorrebbe dire che è lo Stato stesso, in prima istanza, ad assumere un comportamento discriminatorio.

In un’intervista rilasciata al giornale L’Unità, Pierluigi Bersani ha dichiarato che

Una regolazione moderna delle convivenze stabili tra omosessuali è un elemento di civismo, che un governo deve affrontare È chiaro che se la questione non verrà risolta da questo governo toccherà a noi farlo. Terrei fuori dal dibattito la parola matrimonio, che da noi comporta una discussione di natura costituzionale, al contrario di altri Paesi. Tuttavia dobbiamo dare dignità e presidio giuridico alle convivenze stabili tra omosessuali perché il tema non può essere lasciato al Far West

A smentire le dichiarazioni di Bersani, almeno nella parte in cui fa riferimento alla Costituzione, ci sono sentenze della Corte Costituzionale e della Suprema Corte di Cassazione, come ricorda Franco Grillini dell’Idv: secondo i pronunciamenti, infatti, è ormai radicalmente superata la concezione del matrimonio basato sulla diversità di sesso tra i coniugi.

Anche le associazioni degli omosessuali rispondono con cautela alle parole del leader del PD: non basta certo parlare di necessaria apertura e necessità di intervento sulla legislazione. Questo atteggiamento comincia ad apparire astratto e poco propositivo: c’è bisogno, invece, di proposte concrete che diano una spinta vigorosa a una situazione stagnante e dalla matrice retrograda. Londra e Berlino sono vicine e possono offrire un buon esempio, se solo si volesse coglierlo.

Photo Credit| Thinkstock

Commenti (2)

  1. Giustamente bisogna riconoscere i diritti gay,la questione del tema si tratta di civismo,neccessità tutela senza toccare la costituzione,apertura alle convivenze stabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>