Scarpe da sposa, nuova collezione Kate Middleton

 
Marina
12 gennaio 2012
Commenta

kate middleton scarpe monsoon

Ebbene sì, ogni cosa fa marketing, ogni cosa può diventare qualcosa da vendere e ha un nome altisonante ancora meglio.

La Monsoon propone una nuova collezione di scarpe da sposa per il 2012 ispirata ai tacchi di Kate e Pippa.

La collezione offre scarpe eleganti e di classe, per avere appunto un aspetto regale, ad un prezzo decisamente abbordabile per le comuni mortali come noi. Il costo di un paio di scarpe Monsoon è di settanta sterline, a voi fare i conteggi del cambio.

La forma di queste scarpe è la classica decollete, bianca con il tacco, semplice ed elegante allo stesso tempo. Perfetta sotto qualsiasi abito bianco, snellisce il piede e dona alla sposa quei centimetri in più.

Un piccolo trucco che noi donne utilizziamo anche nella vita di tutti i giorni per apparire un pochino più alte di quanto siamo. Inoltre le scarpe con il tacco sono decisamente più femminili.

C’è anche chi le ritiene sexy e le preferisce in assoluto a tutte le altre. Insomma Kate diventa moda, ancor più di quanto lo sia stata fino ad ora. La sua posizione e il suo essere prima fidanzata, ora moglie del principe William la pone al centro dell’attenzione.

A vedere il suo abito esposto a Londra c’è stata un’affluenza record, tutto quanto la riguarda calamita l’attenzione e le aziende utilizzano la sua, o loro immagine, per lanciare oggetti, nuove collezioni, ma anche bambole che assomigliano a loro.

Con loro intendo Kate e la sorella Pippa. Nel mondo non so, però in Inghilterra sono molto conservatori e ci tengono moltissimo a riti e tradizioni. Il genere femminile non solo le guarda, ma ne fa le loro icone, tant’è che la Monsoon non è l’unica ad aver dato il nome della Middleton ad una linea di scarpe.

Che ne dite? Quali modelli preferite?

photo credits | weddingideasmag

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento