Matrimonio buddista, lo scambio dei voti