Matrimoni bizzarri: celebrate le prime nozze con rito Kopimista

di Lorena Scopelliti Commenta

D’ora in poi sappiate che il vostro matrimonio potrà essere celebrato in modo del tutto inusuale, sicuramente innovativo e moderno: potrete convolare a nozze con rito Kopimista, seguendo i principi e la fede della nuova religione fondata dallo svedese Isak Gerson. Una fede che annovera tra i sacramenti il Copy informatico, la circolazione della conoscenza e lo scambio di informazioni, elevando praticamente a dogma il peer to peer.

Il simbolo dei kopimisti è il cerchio dello Yn e Yang al cui interno campeggiano le scritte Ctrl-C Ctrl-V (il comnado sulla testiera del copia e incolla). Dopo essere stata riconosciuta in Svezia come religione vera e propria, lo scorso week-end una donna rumena e un italiano si sono sposati secondo i dettami del Kopimismo, durante la Share Conference a Belgrado: scopriamo insieme come si è svolta la cerimonia e di cosa si tratta.

Iniziamo dicendo che la chiesa Kopimista conta, a tutt’oggi, circa 6 mila membri e che il fondatore è un diciannovenne studente di filosofia dell’università di Uppsala (Svezia). Sul sito ufficiale italiano della comunità si legge che

La copia è l’elemento fondamentale per la vita e gira costantemente attorno a noi. Le informazioni condivise forniscono nuove prospettive e generano nuova vita […]. Qual è il significato della vita? Crediamo che la risposta sta nella copiatura, distribuzione e remix di informazioni, proprio come facciamo per l’esperienza e la conoscenza

Il Copywright non è certo visto di buon occhio da un kopimista, in altre parole. La missione del Kopimismo è, infatti, copiare e distribuire, conoscenza disponibile per tutti e seguire le leggi della natura:la tecnologia permette, non (tentare di) limitare con leggi laiche.

Ed ecco uno stralcio della cerimonia di matrimonio celebrata con rito Kopimista:

Il satellite è confuso perché sabato sera le onde radio erano piene di compassione e di luce E il suo cuore di silicio riscaldato alla vista di un miliardo di candele Oh, oh, oh, la marea sta mutando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>