Gli abiti da sposa delle celebrità più belli della storia

di Gaiumi Commenta

Elvis presley matrimonio

A noi donne piace seguire i matrimoni celebri, diciamo la verità, curiosare tra gli invitati, per scoprire chi c’era e chi non c’era e soprattutto vedere come era vestita la sposa, lei, la modella del secolo, l’attrice del momento o la Principessa della porta accanto. Nella storia non si contano i matrimoni delle celebrità, qualcuno ancora in piedi, altri finiti da una vita e altri così lontani che solo le immagini di archivio possono farci tornare alla mente, oppure scoprire per la prima volta l’abito della sposa. Mercoledì scorso è stato venduto all’asta il primo abito nuziale di Elizabeth Taylor, firmato dalla costumista di Hollywood, Helen Rose, per 120 mila dollari, quello che indossò per sposare Conrad Hilton.

Nel 1966 Mia Farrow sposò frank Sinatra, con un tailleur con giacca corta e gonna longuette svasata, mentre ancora un completo con giacca per Bianca Jagger, che nel 1971 convolò a nozze con Mick Jagger, il leader dei Rolling Stones. Cappello a tesa larga larga per lei, gonna lunga e giacca con profondissimo scollo davanti. Coroncina di fiori sulla tipica frangetta di Audrey Hepburn, che per sposare Mel Ferrer, indossò un abito con gonna a ruota e maniche a sbuffo.

Priscilla Presley scelse un abito a tunica anni al ginocchio, taglio tipico degli anni ’60, portato con un velo corto sbarazzino. Nel 1953 Jackie Kennedy incarnava il sogno delle giovani ragazze americane, la First Lady sposava un Kennedy, con un abito con spalle scoperte e gonna ampia. Facendo un salto in avanti, nel 2006 matrimonio faraonico in quel del Castello Odescalchi sul Lago di Bracciano, per Tom Cruise e Katie Holmes, la quale indossò un abito firmato da Giorgio Armani. Continua…

Photo credits | Getty Images

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>