Guida al matrimonio perfetto, il fiore all’occhiello per lo sposo

di Valeria 1

sposoUno sposo impeccabile sotto ogni punto di vista. Certo, nel giorno del matrimonio la sposa è la protagonista in primo piano,  ma valorizzare anche l’uomo è la scelta più giusta. I suggerimenti per non sbagliare? Nessun problema. Seguite i nostri consigli perché tutto va curato, anche la boutonnière, ovvero il fiore all’occhiello.

La piccola composizione di fiori e foglie si appunta al bavero della giacca, sul risvolto sinistro. Un vero e proprio simbolo di raffinatezza. E se il galateo prevede che lo sposo porti una solo fiore, preferibilmente in tono con l’abito della sposa e il bouquet, in realtà sempre più spesso la boutonnière è formata da più pezzi.

La scelta dei fiori da utilizzare si lega alla stagione in cui si svolge la cerimonia. Vi sposate in primavera? Fresie, narcisi, orchidee e sarete perfetti. Preferite l’estate? Gardenie, calle, roselline.  In autunno genziane o iris, mentre in inverno meglio puntare a camelie o helleborus (Rosa di Natale). Ultima raccomandazione che ci sembra forse superflua: vietato usare, ovviamente, fiori finti.

Photo Credits | Ottavionuccio.com

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>