Giada Curti: il primo atelier a Roma

di Monica De Chirico Commenta

Oggi Sposalicious vi presenta una stilista che già dal suo debutto, nel 2010, si è conquistata un posto d’onore nell’Alta moda italiana: Giada Curti. Dal 1 Febbraio, Piazza di Spagna accoglie il suo atelier, situato all’interno di un palazzo d’epoca arredato con estrema eleganza. Preziose specchiere, grandi lampadari in vetro di Murano e soprattutto le collezioni Haute Couture da sposa e da sera.La prima collezione della stilista di origini siciliane presentati ad AltaRoma seguiva il fil rouge del fantastico mondo di Alice in Wonderland: abiti da principessa, fatti per sognare. Una collezione scenografica, romantica, preziosa e per occasioni speciali. Grande ricerca dei dettagli e attenzione per i tessuti come la seta, chiffon, pizzo e taffetà. I colori degli abiti riflettono un giardino d’inverno che la stilista ha immaginato come sfondo per Alice. Unica eccezione per l’abito da sposa in avorio che, contro la tradizione, apriva la sfilata l’anno scorso. Un abito romantico in tulle con corpetto, che valorizza la silhouette, in pizzo arricchito da Swarovsky. La gonna composta da veli di tulle sovrapposti per un effetto vaporoso e importante.

Giada Curti oltre ad aver aperto una boutique nella famosa piazza dove si trovano le griffes più famose, la troveremo probabilmente anche a Dubai con uno show room per entrambe le linee. In effetti è molto apprezzata dalla famiglia reale tanto che lo scorso maggio era l’unica donna europea ammessa a un matrimonio (per il quale la stilista aveva disegnato gli abiti della sposa e di diverse invitate) alla corte del Paese medio orientale.

In attesa di vedere le nuove proposte primavera estate 2011 che saranno presentate in occasione della kermesse AltaRoma, andiamo a vedere nella Gallery le proposte sposa e Haute Couture del 2010.

Photos: via Whymoda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>