Lingerie per la sposa

di Marina 3

 

La lingerie per la sposa, ecco un argomento particolare e interessante, di cui non si parla tanto spesso, eppure ha la sua importanza. Non perchè qualcuno la veda, anzi! Sarà solo lo sposo, al momento di togliere il vestito di nozze a poterne beneficiare.

Sempre che non partiate subito dopo il matrimonio e vi catapultiate quindi in aeroporto dopo esservi cambiate velocemente, la biancheria intima rappresenta un piacere nascosto! La lingerie non si indossa solo per mostrarla in questo caso al neo sposo, ma per sentirsi perfette sotto ogni punto di vista, anche sotto il vestito

Può sembrare strano ma indossare qualcosa di sexy anche se non lo vede nessuno fa sentire più belle, anche un pò provocanti e un pizzico più intraprendenti. Allora perchè non scegliere un bel completo intimo? C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Naturalmente è di rigore il bianco. Mutandine, tanga, culotte di pizzo, raso e materiali provocanti con reggiseni e bustini abbinati, magari anche ad un reggicalze, ma se vi fa sentire di osare troppo ci sono sempre le calze autoreggenti e non scordatevi la giarrettiera. Un suggerimento però! Provatele in casa, indossatele per alcune ore, tanto per essere sicure che non vi scivolino giù a metà cerimonia. Questo si sarebbe davvero imbarazzante!

Ecco quindi che ciò che indossate sotto il vestito da sposa diventa importante, diventa un modo per sentirsi seducenti, per sedurre il vostro neo sposo anche solo con il pensiero, con l’idea di cosa avete sotto! L’importante è che vi sentiate a vostro agio con ciò che indossate.

Se il vostro abito non è bianco, bensì di un altro colore cercate di abbinarvi la lingerie, mal che vada optate per il bianco, che va sempre. Il nero è fuori discussione e il color carne, che può essere comodo per non essere visto sotto i vestiti qui lo escluderei, non è altrettanto seducente, anzi!

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>