Matrimonio civile in aumento al Nord

di Giada Aramu Commenta

Regione che vai, matrimonio che trovi! Secondo un’ultima ricerca, il matrimonio civile sarebbe in netto aumento nell’Italia settentrionale, un trend che troverebbe conferma solo nel nord del nostro Paese dove sarebbero molte le coppie che rinuncerebbero al classico rito in chiesa.

Secondo l’ultima ricerca pubblicata, il matrimonio religioso sarebbe ancora quello più diffuso tra le giovani coppie: fino a due anni fa, infatti, ben il 60,2% delle coppie italiane sceglieva il matrimonio religioso, una percentuale destinata a diminuire soprattutto perché, almeno nel nord Italia, molte coppie starebbero già preferendo il matrimonio civile. Nel 2011, il 51,7% delle coppie italiane avrebbe preferito il matrimonio civile, una percentuale che lascia al restante 48,3% la preferenza verso il matrimonio in chiesa. La situazione sarebbe invece diversa nel sud e nel centro del nostro Paese dove il matrimonio religioso vincerebbe su quello celebrato al Comune.

Secondo l’annuario statistico dell’Istat, le coppie che decidono di sposarsi davanti all’ufficiale di stato civile sono passate da 79.000 (nel 2012) a circa 83.000 (nel 2011), una cifra che sarebbe destinata a salire nei prossimi anni. Quali sono i motivi che spingono le coppie a preferire il rito civile? La ricerca non si è occupata delle motivazioni ma i dati raccolti fino a oggi fanno pensare a un forte legame e rispetto per le tradizioni da parte delle coppie del sud Italia, mentre al nord vi sarebbe un leggero abbandono dei riti tradizionali nelle coppie più giovani.

Oltre alle unioni, purtroppo, aumentano anche le separazioni: dal 2010 le separazioni tra i coniugi hanno subito un aumento di circa due punti percentuali, un trend contrario nei divorzi, sempre meno numerosi. I matrimoni religiosi falliti potrebbero aver causato un aumento dei riti civili soprattutto al nord: sono molte le coppie, infatti, che scelgono di regalarsi una seconda occasione scegliendo di convolare a nozze con un nuovo amore e dimenticare quello passato, una possibilità che al sud deve ancora scontrarsi con i numerosi pregiudizi.

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>