Matrimonio, invitare gli ex oppure no

di Marina 3

A volte capita che una donna, o anche un uomo, rimangano amici dei propri ex. Un rapporto d’amore finisce, ma non è detto che debba per forza finire anche un’amicizia, così può capitare che si arrivi al matrimonio con un altro.

E l’ex? Invitarlo oppure no alle nozze? E l’ex di lui? Quale può essere il problema? L’imbarazzo. SI tratta però anche di “benessere” se così vogliamo dirlo. Se con la ex, o gli ex, si va d’accordo e non ci sono problemi, se si sa che fanno parte del passato e sono una storia chiusa invitarli al matrimonio non è un problema.

Al contrario se uno dei due sposi non è d’accordo o non sente per l’ex un sentimento di amicizia o anche solo di quieta indifferenza allora è proprio il caso di lasciar perdere per non creare inutili tensioni.

L’ex in questione, messo al corrente della situazione, non può che compredere e di certo non si offenderà. Ci sono persone che sanno gestire  e mantenere rapporti con le persone con le quali hanno avuto storie sentimentali cambiandole.

Si può essere amici anche dei propri ex, una cosa a parer mio bellisisma, ma non sempre possibile. Accade se i due si sono lasciati di comune accordo, o se è passato molto tempo dalla loro storia, ma anche se il partner è riuscito a trovare con loro una sintonia.

Altrimenti è meglio evitare. Ricordate il film con Julia Roberts? Il matrimonio del mio migliore amico? Beh, ovviamente è un film. L’importante  parlare chiaramente e sinceramente con il futro sposo, o sposa, comprendere che sentimenti lo animano e decidere insieme a lui qual è la cosa che lo fa sentire meglio.

Il matrimonio è fatto di decisioni prese insieme e quale modo migliore di cominciare se non sulle piccole cose?  Voi che ne pensate? Invitereste gli ex al matrimonio?

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>