Moglie, donna di successo e casalinga

di Marina Commenta

sposi oggi sposi

Può una donna di successo trasformarsi in una brava moglie e casalinga? Si può sdoganare questo modo di vedere nel quale donna è confinata in determinati ruoli?

In “Disperate Housewife” vediamo donne, o meglio mogli, di uomini ricchi e famosi, che non hanno una propria vita se non in funzione del denaro del consorte e girano su tacchi a spillo.

Ma cos’è una moglie al giorno d’oggi? Un uomo si cerca una domestica che non paga a ore? Sempre disposta ad occuparsi della casa e dei figli? Oppure c’è qualcosa di diverso? E una donna può essere soddisfatta all’interno del matrimonio e anche fuori?

Riesce in qualche modo a conservare la sua identità e continuare a lavorare con soddisfazione? Certo organizzare tutto non è semplice, ma le donne hanno grandi capacità.

Sanno organizzare la vita come un uomo non sarebbe mai in grado di fare. Riescono ad “incastrare” tutto con un’abilità incredibile. Le donne che fanno carriera poi devono per forza conciliare questa con la famiglia, se ne vogliono una.

Alla fine, oltre ai sacrifici, bisogna fare anche delle scelte, però non rinunciare, a mio parere, ma solamente trovare il giusto equilibrio tra le cose. Ci sono donne in carriera che continuano per la loro strada e si fanno delle famiglie, come ci sono quelle che per amore della famiglia rinunciano alla fama e ai riflettori.

Dipende dal momento che si sta vivendo. L’importante è fare scelte di cui poi non ci si pentirà, dettate dal cuore, o dalla ragione, ma prese di propria iniziativa, perchè è quello che ci sentiamo di fare.

Poi i momenti cambiano e si cambiano anche le idee. Non è detto che non si possano, nel tempo, fare scelte diverse. Al giorno d’oggi un uomo e una donna che si sposano e lavorano entrambi possono dividersi i compiti in modo che casa e impegni non siano solamente sulle spalle di lei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>