Brindisi: sposa fugge dopo il buffet nuziale per una pausa di riflessione

di Giulia Ferri Commenta


La paura di non farcela non ha contagiato solamente Charlene. In provincia di Brindisi, purtroppo non c’è stato motivo di fare i “brindisi”. Lei non ce l’ha fatta e dopo la cerimonia, al banchetto nuziale ha deciso di prendersi una pausa di riflessione. Dopo sette anni di fidanzamento i due avevano deciso di coronare il loro sogno d’amore, ma quando tutto sembrava andare per il meglio, un ripensamento della sposa all’ultimo momento fa saltare il matrimonio.

O per lo meno bisognerà annullarlo visto che i due si erano già detto di sì davanti all’altare. Lei ha passato la notte dai genitori.

Una semplice pausa di riflessione di circa una settimana la loro

fanno sapere dalla famiglia della sposa. Quindi il ripensamento non è irreversibile ma oggetto di un’analisi di coscenza.

I ripensamenti all’ultimo momento non sono come quelli che si vedono nei film. Perchè? E’ probabile che nei momenti topici della vita, quando le responsabilità si fanno più gravose e “tornare indietro” diventa sempre più “difficile” allora avere un atteggiamento remissivo è come accettare quella scelta come destino.

Per qualcuno può sembrare assurdo fare un passo indietro proprio nel giorno delle nozze ma un ripensamento del genere non si differenzia molto da una futura separazione e un divorzio. Che, anzi, lasciano più rancori e conflitti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>