Diario di una sposa: dieta, chili di troppo, ritenzione idrica

di Lorena Scopelliti Commenta

diario sposa chili dieta ritenzione idrica strategie benessere

Non sono una fissata con diete drastiche, che fa sacrifici tutta la vita pur di portare la taglia 38-40. Sono una semplice donna normo-peso che non ha nessuna intenzione di diventare una skinny girl! Nonostante questo, come tutte d’altronde, noto che durante l’inverno tendo a ingrassare e ad accumulare ritenzione idrica.

È soprattutto il secondo inconveniente a far sembrare i chili di troppo più pesanti e impossibili da eliminare. Vi descrivo qual è la strategia che cercherò di seguire in questi ultimi due mesi prima del matrimonio, in vista della data delle nozze che avverranno a metà aprile. Rifiuto l’idea di dovermi privare per due mesi di qualunque cibo mi piaccia: non voglio che il mio matrimonio, anziché essere un lieto evento, si trasformi nella principale fonte di privazioni di piccoli e grandi piaceri!

Chiamiamoli pure buoni propositi, perché purtroppo sono cronicamente pigra e conduco una vita molto frenetica e stressante, a causa della quale capita spesso di tralasciare qualche buona abitudine (leggasi serate a base di cioccolato dopo una giornata lavorativa particolarmente negativa!). Acquistate una tisana che abbia proprietà depurativa e/o drenante: io ne ho presa una con ortica, cardo mariano, sambuco ed estratto di tarassaco.

L’intento è di berne un bicchiere ogni mattina: preparatene una grande brocca e assumete la tisana a temperatura ambiente (io la dolcifico con il fruttosio, causa sapore per me intollerabile). Per le inguaribili pigrone va benissimo anche la tintura madre di tarassaco: si assume nelle dosi consigliate sulla confezione e, oltre a sgonfiare e drenare, libera dalle tossine con un effetto tangibilmente benefico anche sulla luminosità della pelle.

Piccole, semplici, ma efficaci strategie per chi conduce (per forza di cose) una vita sedentaria: non prendete più ascensore e parcheggiate distanti rispetto a dove lavorate e abitate, abbandonando l’abitudine della macchina sotto l’ufficio e la casa. Fare le scale e fare quattro passi sembrano dettagli di poco conto, ma in realtà attivano la circolazione.

Mangiate la frutta un quarto d’ora prima dei pasti, accompagnandola da due bicchieri d’acqua: vi aiuterà a non arrivare al pasto fameliche come lupi e sarete sazie prima. Scegliete frutta fresca e di stagione: personalmente mangio molti kiwi, che sono anche ricchi di anti-ossidanti e aiutano le funzioni intestinali, arance e mandarini che contengono vitamina C (fa bene alla pelle) e qualche fetta di mela che regala tante buone fibre.

Photo credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>