Matrimonio gay raccontato dai Principi Disney – video

di Federica Guarneri Commenta

The Nameless Doll, questo il nome dell’utente YouTube che ha pubblicato il video “Olet Puolisoni Nyt” ovvero “Sei il mio sposo adesso”. La particolarità di questo video consiste nel fatto che per illustrare la storia della canzone (da cui il video prende il nome) sono stati utilizzati diversi personaggi dei film della Disney e dei Fox Animation Studios.

Schermata 2016-02-09 alle 11.21.12

Di seguito potrete vedere il video pubblicato su Youtube dall’utente The Nameless Doll: Olet Puolisoni Nyt. Uno sguardo insolito sul matrimonio gay.

The Nameless Doll ha realizzato questo video per spiegare, al mondo intero, il fatto che la parola sposo in finlandese non abbia genere. Questo l’ha portata a immaginare come sarebbe un film Disney che racconta una relazione amorosa tra due persone dello stesso sesso. La storia del video vede come protagonista Dimitri (Anastasia) che si sveglia nella notte, con aria molto triste e preoccupata, ripercorrendo nella propria mente alcuni momenti della storia del suo matrimonio con Eric (La Sirenetta). I momenti che ci vengono mostrati, però, sono molto felici e non riusciamo dunque a comprendere la tristezza del protagonista. Eric e Dimitri sono sposati e hanno adottato due bambine: Nani (Lilo & Stitch) e Cindy (Cenerentola da piccola). Naveen (La principessa e il ranocchio) e Audrey (Atlantis) sono amici di Dimitri. Eric, per lavoro, fa l’attore e Belle (La Bella e la Bestia) è una sua collega. Quando terminano i flashback scopriamo i motivi che rendono Dimitri così triste e malinconico: Eric è malato di cancro, lo vediamo senza capelli. Come in tutte le favole però alla fine un risvolto positivo fa tornare il sorriso: Eric è guarito e festeggia i 50 anni di matrimonio con Dimitri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>