Abiti da sposa 2015, nuova campagna adv Pronovias

di Federica Guarneri Commenta

PRONOVIAS 2015_CLARISA

PRONOVIAS presenta la nuova campagna pubblicitaria per il 2015. La top model internazionale Emily Didonato posa per il marchio indossando le collezioni Atelier Pronovias e Pronovias 2015.

PRONOVIAS 2015_CARMIT

Pronovias, marchio leader mondiale del settore sposa, presenta la nuova campagna adv per il 2015 con la top model statunitense Emily Didonato, conosciuta per la sua collaborazione con maison della moda come Louis Vuitton, Balmain, Chanel o Givenchy. La nuova campagna del brand ha un’aria più fresca e naturale rispetto alle precedenti e concentra i riflettori sulla sposa, che sfoggia le collezioni Atelier Pronovias e Pronovias 2015. Karolina Kurkova, Miranda Kerr, Irina Shayk e Bar Refaeli,sono solamente alcuni dei nomi delle straordinarie modelle con le quali il marchio ha collaborato in questi 50 anni di strabiliante carriera.

Per la prossima stagione, la collezione Atelier Pronovias sorprende in tanti modi diversi che adesso elencheremo per voi:

  • Abiti separati, modelli che permettono combinazioni tra corpetto e gonna.
  • Abiti gioiello, con delicate applicazioni di paillettes e gemme preziose, piume o petali.
  • Materiali preziosi, tra i quali spicca il tulle-cristallo, che permette di creare sulla pelle un magico effetto tattoo grazie al gioco di trasparenze su maniche lunghe, scollo e spalle.

Al contempo, la nuova collezione Pronovias 2015 scommette su:

  • Mini abiti per le spose più audaci, mettendo in evidenza vertiginose scollature sulla schiena e scolli con pizzi floreali.
  • Meravigliosi materiali come pizzo francese, chantilly, mikado, crêpe, raso e raso morbido.
  • Abito chemisier che è anche la proposta più importante della nuova collezione Pronovias 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>