Acconciature da sposa, il wavy bob

di Anna Maria Cantarella Commenta

Sarà il taglio di capelli più trendy del 2017 e anche le spose potranno sceglierlo per la loro acconciatura.

Avete voglia di tagliare i capelli? E’ questo il momento giusto per provare il wavy bob, che sarà il taglio capelli corti più di tendenza del 2017. Niente da spiegare su questa pettinatura elegantissima, fresca e frizzante, adatta a mille occasione e a tutti i tipi di capelli. Si tratta di un caschetto, regolare o leggemente scalato, che viene pettinato con l’arricciacapelli in modo da creare delle morbide onde, dei ricci leggeri e soffici che danno alla sposa un’aria romantica e leggiadra.

wavy-bob-sposa

Il wavy bob può essere realizzato in due lunghezze. C’è la versione più lunga in cui le punte sfiorano le spalle e quella più corta in cui invece i capelli sfiorano i lobi delle orecchie. Tutto dipende dal tipo di capelli e dai gusti personali. In generale, chi ha capelli mossi dovrebbe scegliere la versione più lunga che consente di gestire la chioma con più semplicità. Se invece avete capelli lisci e facili da pettinare protete scegliere la vostra versione preferita.

Far diventare il wavy bob la perfetta acconciatura da sposa è semplice. Basta aggiungere un fermaglio o dei fiori freschi appuntati lateralmente, oppure un cerchietto gioiello. Potreste anche scegliere una mini treccia laterale da decorare con fiori freschi i piccole forcine decorate. E se invece desiderate uno stile selvaggio e disinvolto, concentratevi solo sulla perfetta pettinatura ed evitate altri orpelli: i vostri capelli liberi, mossi e selvaggi saranno l’unica decorazione di cui avete bisogno. Chi invece desidera un look più elegante, vagamente vintage, può tasformare le onde wavy leggermente spettinate in romantiche e ordinate onde retrò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>