Carlo Pignatelli, prima della sfilata – video

di Marina Commenta

Sabato scorso c’è stata la sfilata di Carlo Pignatelli, trasmessa in streaming dal suo canale. Per gli appassionati e operatori del settore è stato un vero e proprio conto alla rovescia con tanto di video postati in anteprima per dare uno scorcio della sfilata.

Per gettare un’occhiata in anteprima agli abiti che i modelli avrebbero indossato di lì a poche ore. Centoventi i capi indossati tutti all’insegna del lusso, tanto che una collezione di questo genere diventa facilmente anche spunto per occasioni speciali. E cosa c’è di speciale più di un matrimonio?

E in queste chiunque di noi desidera indossare un abito che nlo rappresenti, che sia indice di ricercatezza, di cura, di attenzione anche al dettaglio. La maggioranza dei vestiti sono con giacche lunghe, eleganti, che ricordano gli abiti maschili dell’Ottocento.

Sotto la giacca non manca mai il gillet, che lo stilista ritiene un pezzo intramontabile, da non tralasciare assolutamente. Colori, tessuti e forme ricercate per soddisfare le esigenze di chi, nonostante la crisi, può e ha voglia di spendere per indossare qualcosa di unico.

Secondo lo stilista molte collezioni prendono spunto dal passato e nel IXX secolo l’eleganza maschile aveva raggiunto il top. Carlo Pigantelli che afferma di studiare molto la moda del passato, quando si crea qualcosa si ha sempre un punto di partenza, ha sviluppato una collezione per uomo romantico, in stile coloniale, che guarda al passato elegante.

Proposti abiti per le occasioni speciali, sfilati davanti ad un pubblico che poteva entrare solamente ad invito, ancora una volta ha fatto sognare. Nella collezione non è mancato nemmeno il Punjabi suit, abito in stile pretamente indiano per questo genere di matrimoni.

E in ultimo, tanto per rimanere in tema fashion e di mode che ritoranno: abbiamo di nuovo il papillon a dare un tono all’uomo, che mette momentaneamente in disparte la solita cravatta. Godetevi un breve video pre-sfilata e alcui abiti decisamente glamour.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>