Tiffany celebra i 130 anni del suo famoso anello di fidanzamento

di Anna Maria Cantarella Commenta

Tiffany quest’anno festeggia i 130 anni dell’anello di fidanzamento più iconico al mondo. Per farlo ha scelto di ideare una campagna pubblicitaria che ha come testimonial d’eccezione gli artigiani orafi che con la loro maestria danno vita al Tiffany Setting, l’anello di fidanzamento universalmente riconosciuto come il simbolo d’amore, firmato da Tiffany&Co.

Dal 1886, l’anello Tiffany Setting è il simbolo più noto di amore e di fedeltà, amato da tutte le donne per il suo stile elegante e chic. In pochi però sanno chi c’è dietro la creazione di un gioiello di così sofisticata fattura e proprio per questo Tiffany ha deciso di celebrare questo importante anniversario dando spazio agli artigiani che lo creano con il lavoro delle loro mani e con tantissima passione, piuttosto che alle solite star patinate protagoniste delle campagne pubblicitarie.

Accanto alle foto dei maestri artigiani, nella campagna pubblicitaria intitolata “I Will” ci sono dei passaggi in cui gli artigiani spiegano con quanto orgoglio e dedizione realizzano ogni gioiello. E gli anelli di Tiffany sono fatti completamente a mano, dal taglio alla lucidatura, ela loro lavorazione segue un’antica tradizione d’eccellenza che si tramanda da diverse generazioni e può richiedere anche un intero anno per arrivare all’incredibile risultato finale.

Il Tiffany Setting poi è un anello di fidanzamento particolarmente speciale. Tiffany infatti si rifiuta si di utilizzare il 99,96% dei diamanti al mondo poiché questi non rispettano gli standard qualitativi richiesti. Questa estrema cura del dettaglio lo differenzia da tutti gli altri anelli di fidanzamento e lo rende unico. Le pietre preziose selezionate da Tiffany sono infatti caratterizzate da una qualità superlativa, che va oltre le 4C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>