Wedding planner, i pro e i contro

di Valeria Marco Commenta

Wedding Planner

In questi ultimi tempi si sta allargando a macchia d’olio anche in Italia il mestiere del wedding planner. Professione arrivata dagli Stati Uniti, avere un wedding planner vuol dire affidare l’organizzazione del proprio matrimonio ad un’altra persona che si occuperà di tutto, dalla scelta della location alle bomboniere, passando per il look della sposa fino ad arrivare al placement degli invitati.

Per qualche sposa un sogno che si realizza, per altre un vero e proprio incubo. Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di avere un wedding planner?

Nel nostro paese le tradizioni sono tutte ben radicate, ragion per cui il ricorso ad una figura come il wedding planner non è stata subito accolta con entusiasmo: nel tempo, però, sono state abbattute alcune reticenze e aumenta di anno in anno il numero di spose che si rivolge ad un professionista del matrimonio.

I vantaggi sono tanti: la sposa potrà concentrarsi su se stessa e sui piccoli dettagli del matrimonio, quello che renderanno davvero speciale ed unico, mentre il wedding planner farà il ‘lavoro sporco’. A voi basterà dare delle indicazioni su come vorreste le vostre nozze e lui realizzerà tutti i vostri sogni.

Inoltre, va anche considerato che, nonostante il wedding planner abbia un compenso a volte anche piuttosto alto, i suoi contatti e la sua esperienza vi permetteranno di risparmiare e di avere il massimo della qualità a prezzi molto inferiori rispetto a quelli che potreste ottenere da sole.

Avere un wedding planner, però, può avere anche degli svantaggi, perché può capitare che anche loro si facciano prendere la mano e perdano di vista le reali esigenze e i desideri della sposa: non esitate a dire cosa non vi piace al vostro wedding planner, il matrimonio è il vostro!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>