Matrimonio country: per la sposa stivali invece di scarpe

di Barbara 2

Vi solletica, con l’arrivo della primavera, l’idea di un matrimonio country? Già, dire country è d’obbligo, perché se parliamo di matrimonio campagnolo potremmo evocare per sbaglio vecchie case diroccate, la pasta al forno della nonna, scenari disordinati e sciatti più che romantici.

Eppure, i paesaggi e le tradizioni culinarie di cui dispone l’Italia sono tali da poterci far organizzare un matrimonio vecchio stile in case o agriturismi da sogno. Non dimentichiamo, ad esempio, che servendoci di specialisti del Createring potremmo sposarci valorizzando il nostro territorio.

Se poi avete a disposizione l’abito da sposa della nonna, potreste farlo riadattare o copiarne lo stile, magari sfogliando vecchi album di famiglia. Ad ogni modo, se siete invece amanti dello stile country americano, potreste ricrearne la magia con qualche dettaglio.

Cominciamo dalle scarpe. Guardate gli stivali country della foto e il servizio fotografico sul blog Your wedding day. La sposa ha decisamente osato indossando gli stivali rossi sotto l’abito bianco, ma l’effetto è strepitoso. Naturalmente simili calzature hanno un senso se vi sposate in una vecchia chiesa di campagna e non in centro a Milano.

Le decorazioni per la chiesa e per i tavoli non devono essere semplici, ma apparire tali. Non prendete fiori di campo a caso, ad esempio, perché correreste il rischio di vederli appassire prima del tempo. Spiegate invece al fioraio qual è l’effetto che volete ottenere, portando magari con voi una fotografia trovata on line. Lui saprà come realizzare piccoli bouquet pieni di colore dal tocco campagnolo ma che resisteranno per tutta la durata del ricevimento.

Naturalmente sono benvenute le tovaglie a quadretti, i piatti in stile e il servizio fotografico ambientato in campagna. Premuratevi, mi raccomando, di spiegare molto bene ai vostri ospiti come si svolgerà il matrimonio e quale dovrà essere il dress code della giornata o della serata. Non vorrete trovarvi in un prato circondate da tubini neri, vero?

[Photo Credit: ellenm su Flickr]

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>