Le spose 2011 da non imitare: il top delle cadute di stile

di Lorena Scopelliti 2

peggiori abiti sposa 2011 spose celebri flop 2011

E’ piacevole, quasi istruttivo e di certo fonte di grande ispirazione dare un’occhiata ai matrimoni celebri per prendere spunto: non c’è nulla di male nel criticare le scelte stilistiche delle celebrità. Anche loro sbagliano, a volte per eccessiva frenesia di sfarzo, altre nel tentativo di non passare inosservate e balzare sulle prime pagine dei tabloid.

Less is more è forse l’unica regola da seguire nella moda, anche per il wedding day: anche l’eccessività conosce una sorta di equilibrio. Forme, proporzioni, match con la propria fisicità: bisogna tener conto di tutto questo e molto altro nel momento della scelta dell’abito da sposa. E le spose che vedete in galleria, evidentemente, la regola aurea hanno deciso di ignorarla.

Al terzo posto, meritatissimo, la biondissima Kim Zolciak, che è convolata a nozze con il giocatore di football americano dei Falcon’s Atlanta Kroy Biermann: in Italia la notizia non è quasi arrivata ma in America, per intenderci, è stato come se si fosse sposato Francesco Totti.

La giunonica Kim, che somiglia in modo sinistro all’ipertrofica Pamela Anderson, ha sfoggiato ben tre abiti da sposa, non capiamo bene per quale ragione se non per la voglia di ostentare ricchezza e lusso: un milione di dollari è stata la cifra spesa per il matrimonio. Si fosse salvato almeno uno degli abiti, e invece no: tulle a profusione, scollatura esagerata con seno gonfiato in bella vista, dimensioni elefantiache della gonna, pizzi infiniti e trucco confetto, per un risultato da barbie anni Ottanta plastificata.

Secondo posto per la cantante Lily Allen. Prendete nota, future spose: per scegliere l’abito recatevi in boutique in compagnia di amiche iper-critiche e fidatevi solo delle assistenti alla vendita che vi dicono di no. Rischiate, altrimenti, l’effetto Lily Allen: un abito del tutto inappropriato per la fisicità della bella cantante, peraltro in dolce attesa, che enfatizzava ogni difetto e la faceva sembrare più vecchia di almeno dieci anni. In più: un bouquet che avrebbe voluto essere ironico e, invece, risultava soltanto fuori luogo, con marionetta inclusa.

Un primo posto senza colpo ferire per l’ottantacinquenne spagnola Duchessa d’Alba, che alla sua ragguardevole età ha scelto una tonalità rosa cipria pastello, soffice come un Macarons ed eterea come una nuvoletta di chiffon, certamente più adatta a una fresca venticinquenne. Sorvoliamo sullo spettacolo trash dei suoi piedi in bella vista con annessi cerotti per i calli: l’abito Victorio&Lucchino era del tutto inadatto alla Duchessa d’Alba e ci si sarebbe aspettato un po’ più di sobrietà regale.

Photo credit Duchessa d’Alba | Getty images

Photo credit Lily Allen | Cat Walk Queen

Photo Credit Kim Zolciak | Zimbio

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>