Matrimoni gay: scivolone del candidato repubblicano USA Rick Santorum

di Lorena Scopelliti 2

rick santorum contestato matrimoni gay

Il problema del dibattito sulle unioni e il rapporto tra omosessuali è che non dovrebbero esistere prese di posizioni nette, immutabili e incrollabili: soprattutto i personaggi politici, spesso, sembrano completamente dimenticarsi del fatto che si parla di relazioni tra esseri umani e di amore, nel senso più profondo e nobile del termine.

Si assiste frequentemente, allora, a cadute di stile, scivoloni e gaffe che hanno dell’incredibile quando un rappresentante della res publica (che quindi dovrebbe pensare e agire nell’interesse della collettività) ha l’infelice idea di esprimere un parere che ha il sapore della sentenza definitiva, facendo ovviamente andare su tutte le furie gay e non. Proprio quello che è accaduto recentemente a Rick Santorum, candidato alle presidenziali degli Stati Uniti per il partito repubblicano.

Ecco uno stralcio del suo discorso sui matrimoni gay, avvenuto davanti a una platea di studenti del New Hampshire (lo stato che detiene la più alta percentuale di atei e agnostici in tutta l’America):

Si dice che che tutti hanno il diritto di sposarsi e che tutti hanno il diritto di sposare chiunque. Quindi ci si può sposare con sette persone? Sto solo facendo una domanda: tutti hanno il diritto ad essere felici e quindi lo hanno anche di sposarsi con altre cinque persone? Lo sto chiedendo a voi.

Il pubblico rumoreggia, Santorum blocca subito la discussione e reitera l’assurda domanda più volte. La platea, a questo punto, risponde prima contestando giustamente il fatto che Santorum mettesse sullo stesso piano la bigamia (che negli USA è vietata come in Italia) con le unioni omosessuali (a dire il vero il parallelismo sfugge anche a noi) e poi con un sonoro e inequivocabile coro di fischi e di Buuu al momento del congedo del candidato repubblicano.

E’ davvero triste constatare che si abbiano ancora pregiudizi così ciechi, riguardo questo delicatissimo argomento, da produrre convinzioni talmente distanti e anacronistiche dalla realtà.

Photo credit| Getty Images

Commenti (2)

  1. Purtroppo le posizioni di Rick Santorum sono quanto di peggio l’estremismo ultracattolico abbia da offrire. È agghiacciante dal mio punto di vista che abbia portato a casa il corpo senza vita del figlio neonato morto per presentarlo a tutti i suoi sette figli prima di seppellirlo al cimitero il giorno seguente.

    Santorum non è cmq nuovo a scivoloni del genere, tanto che il termine “santorum” è stato equiparato a “sesso anale” in un famoso videomessaggio da parte di un attivista omosessuale americano.

    Se può interessare, a questo indirizzo potete trovare un post sull’argomento: http://potatopiebadbusiness.com/2012/01/06/limportanza-di-trovarsi-in-iowa/

    Saluti,

    Agostino

  2. @ Agostino Iori:

    Davvero raggelante quest’aneddoto su Santorum…
    Condividiamo in pieno la tua opinione: è triste e pericoloso che esistano posizioni tamente radicali ed estreme e ci si domanda quando finirà quest’ottusa discriminazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>