Acconciature eleganti: la coda di cavallo intrecciata da sposa

di Anna Maria Cantarella Commenta

Ecco come una semplice coda di cavallo si trasforma in un'elegantissima acconciatura da sposa.

La coda di cavallo da sposa è così elegante! Anche se la classica coda di cavallo potrà sembrarvi una pettinatura molto informale e quotidiana, più adatta per andare in ufficio che per um matrimonio, in realtà le apparenze ingannano. Date un’occhiata alla gallery e poi immaginate un meraviglioso abito da sposa, dei capelli voluminosi legati in una coda di cavallo particolare, l’atmosfera romantica del giorno delle nozze e in un attimo una sempice coda di cavallo diventa una pettinatura meravigliosa perfetta per una sposa chic.
coda di cavallo intrecciata da sposa

La coda di cavallo da sposa è una pettinatura che magari già conoscete ma quella che vi proponiamo oggi è una versione della coda di cavallo intrecciata con una tecnica che in inglese si chiama topsy tail. Si tratta di creare un leggerissimo intreccio alla radice della coda per renderla più frizzante e un po’ più originale e poi si tratta solo di lavorare di fantasia, aggiungendo altri dettagli, trecce attaccate al capo, fermagli, decorazioni di fiori veri.

Sia che abbiate in mente una coda di cavallo alta e voluminosa, magari anche gonfia davanti, sia che desideriate una coda bassa con i capelli pettinate in morbide onde che ricadono su una spalla, ci sono tantissimi modi per fare diventare una coda di cavallo l’acconciatura perfetta per il vostro matrimonio. E se vi servono idee e ispirazioni, sbirciate la gallery dove troverete idee per tutti i gusti. La nostra preferita? Sicuramente la coda a triplo intreccio decorata con fiorellini di stoffa ma anche la coda spettinata in stile vagamente boho.

Photo Credit| Wedding Forward via Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>